Conosci più che puoi
ma ricorda l’unica Verità

Ho letto ne Il libro di Urantia che sembrerebbe vi siano sette sub universi, ognuno dei quali contiene centomila universi. Poi Tu mi dirai che nelle Infinite Possibilità sicuramente questo è possibile. E sembrerebbe che quello che gli scienziati definiscono la “Via Lattea” sia il settimo e ultimo sub universo nel quale è contenuto il nostro universo che, come spiegano, è stato creato da un dio creatore che, nello specifico si chiamerebbe Atum. Questo per la nostra comprensione razionale. Tu mi dirai che è una delle possibilità delle Infinite Possibilità. Ma è una cosa che può essere vera oppure è una delle possibilità delle Infinite Possibilità?

Tu cosa credi?

Che come al solito Tu mi dirai che nelle Infinite Possibilità c’è anche questa possibilità.

Tu cosa credi?

… … Io credo che nelle Infinite Possibilità questo sia possibile.

Allora lo è. Sette galassie, un dio creatore … osserva: cosa vedi quando descrivi la realtà in questi termini? Cos’è evidente?
Esci dal clichè “l’ha detto lo scienziato, dunque è vero” e dimmi: nel descrivere la realtà relativa in questi termini, che cosa è evidente?

… … …
… … …

Nulla?

Ma quindi tutto è possibile, nel senso che se io credo che quello che ho letto è vero quella cosa esiste, se non ci credo non esiste, semplicemente?

Non esiste perché non la stai creando. Ma ti ripeto la domanda: per come hai descritto le galassie, gli universi, il dio creatore, che cosa è evidente?

… … … che non ho la certezza che questo sia vero.

No. L’Evidenza è che continui a osservare nella separazione: una cosa separata dall’altra, fin anche a un dio creatore separato da te. Resti nella separazione, dunque crei separazione. Ma se osservi più da vicino, trovi che quel dio creatore Sei Tu e che le galassie, gli universi, gli universi paralleli, le Infinite Possibilità sono sempre Tu: l’infinita possibilità di spostarti nella realtà che Tu crei. A che porta osservare e radicare la propria convinzione su quanti universi, quante galassie, quale dio creatore? Qual è nel tuo Cammino di Espansione lo scopo e l’utilità di questa segmentazione della realtà interiore?

In realtà non c’è nessuno scopo, nel senso che è solamente una nozione che uno apprende e nello scambiare delle opinioni, dei pareri, delle informazioni con altre persone dici semplicemente questa cosa perché ci credi. Nel mio caso non è che la dico perché voglio che l’altro dica “Sì, è così”, la dico per come lo appresa io, senza nessuna intenzione di voler far passare la mia verità rispetto a quella di un altro. Semplicemente in uno scambio di opinioni puoi dire questa cosa e l’altro può crederla o non crederla.

Nel tuo Cammino di Espansione ti è utile?

No, chiaramente no. E’ “utile” tra virgolette nello scambio di informazioni con altre persone. Ma poi alla fine le altre persone sono sempre Io, che scopo ha?

Dunque vedi, conoscere tante versioni non equivale a credere a tutte le versioni che hai conosciuto. Ma semplicemente ad allargare il tuo sguardo, poiché se conosci puoi scegliere. Dunque conosci il più possibile, ma ricorda che l’Unica Verità è che tutto è Uno e quell’Uno Sei Tu.

Tratto da una Canalizzazione alla Fonte
effettuata il 16.07.2023

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche sui nuovi contenuti

Share This