dona il tuo 5x1000 sito

È giusto per me fare il vaccino?

Sono combattuto/a tra lavoro e salute, e non so cosa sia giusto per me. É giusto per me fare il vaccino in questo momento?

Ciò che cerchi è una risposta esterna rispetto a un conflitto interno. La domanda per te non è:”E’ giusto o non è giusto fare il vaccino?”, ma “Cosa è il vaccino per me?”, e “Cosa temo al mio interno per cui ritengo di dovermi proteggere [protezione che, nella Comunicazione Assoluta, è rappresentato dal “vaccino”]?”.

Ciò che osservate nella dualità terrena, parla sempre del tumulto che avviene al vostro interno nel liberarvi della pesantezza della dualità per far risplendere la Luce che siete. Dunque, nella tua azione giusta rispetto al tuo Cammino di Espansione [che nella Comunicazione Assoluta è rappresentato dal “lavoro”] di che cosa hai paura?

Non è facendo o non facendo il vaccino, dunque prendendo una decisione nella causa – effetto, che andrai oltre ciò che determina la manifestazione di questa situazione, ma è accogliendo che questo è una comunicazione che tu ti stai portando per accedere ad un livello superiore, che ti permetta di vedere un quadro più ampio della tua realizzazione.

Dunque non ti verrà data una risposta nel “fare”, ma un invito a tornare al centro del tuo Centro e, scevro/a da illusorio opportunismo, tu possa scegliere in Coscienza, fuori da ogni giudizio. Ogni azione compiuta in questo stato è giusta per te.
E chiaro per te?

Cosa implica il farlo per la mia Anima e per il mio corpo?

Come detto, non è il “cosa” ma il “come”. Dunque, l’Anima non ha sofferenza, poiché la sofferenza attiene ai corpi mentale, emotivo e fisico. Nel corpo fisico – biologico avviene una mutazione di frequenza e, tuttavia, la mutazione di frequenza avviene più per la paura che per la materia [vaccino].

Dunque ogni scelta compiuta in “via da”, o per comodo, produce variazioni di frequenza, produce una scelta di Cammino. Così, allo stesso modo, una scelta compiuta “verso” ha lo stesso effetto: in un caso facilita un momentaneo allontanamento rispetto al tuo Cammino di Espansione; nell’altro facilita un’accelerazione rispetto al tuo Cammino di Espansione. Tutto ciò che è nella materia ha un effetto biologico, fisico, emotivo e mentale nella misura in cui gli attribuite questo potere.

Tutto ciò che riterrai profondamente “essere nocivo”, sarà nocivo; tutto ciò che riterrai profondamente “non avere alcun effetto nocivo” poiché la tua vibrazione è allineata al tuo Corpo Divino, non produrrà alcuna variazione in frequenza.

La difficoltà, anch’essa illusoria, è ritenere che il solo pensare di mantenersi in frequenza, mantenersi allineata alla Frequenza Fondamentale del Corpo Divino sia sufficiente; in Realtà i pensieri e i dubbi profondi, quelli che agiscono in maniera automatica poichè dettati da programmi genealogici o credenze consolidate, continuano a essere attivi e a spostarti. Dunque per te la sfida è mantenerti saldo/a in ciò che senti Vero nel Profondo.

È utile per me prendere ancora tempo?

Se questo è ciò che senti, è utile. Se ciò che chiami “tempo” è il rimandare una scelta per paura, ti stai di nuovo difendendo da qualcosa di esterno. Viceversa, se “rimandare la scelta” senti sia opportuno per consolidare l’ascolto interiore, allora è buono per te. Non vi è mai giusto o sbagliato. L’invito è sempre tornare all’ascolto profondo.

Come sta … [nome del partner, che nella comunicazione Assoluta rappresenta il proprio “atteggiamento verso la Vita”] in questo momento?

Nella sua completezza sta attraversando una fase impegnativa del suo Cammino. La versione del tuo partner che è giunta ai tuoi sensi è per te l’invito a osservare senza paura, poiché ogni scelta apre una via, e ogni via apre una sfida, e ogni sfida ha una soluzione. La ricerca della soluzione, affidàti alla Perfezione della Vita stessa, apre scenari non previsti e miracolosi. Dunque, per rispondere alla tua domanda, il tuo partner è di fronte a un’opportunità: cogliere o non cogliere questa opportunità è nel suo libero arbitrio.

Sento che è molto preoccupato per me. Perché?

Poiché lo sguardo con il quale osserva la Realtà è duale: buono/cattivo, convenzionale/non convenzionale, e poiché tu ti stai discostando dal convenzionale, il tuo partner riflette la tua paura di sbagliare.

Cosa sente … [nome della figlia, che nella comunicazione Assoluta rappresenta il proprio “Potere di Creare Assoluto”] in questo momento?

Vuoi sapere cosa sente nel profondo?

Sì.

In questo momento della sua incarnazione percepisce confusione, paura, smarrimento. Nella sua reazione duale si è posta in una posizione di “vittima” a tratti “carnefice”, ma nel suo profondo sente un cambiamento del quale ha paura.

Come posso aiutarla?

Accogli che lei è un tuo “specchio” che riflette la confusione e la paura al tuo interno. Cambia te stesso/a e vedrai modificare lei. Nella dualità accompagnala con Amore verso l’ascolto profondo.

Ogni persona, ogni creatura, ogni situazione è per te. E benché le reazioni o le paure affiorino, spostandoti dall’ascolto profondo, ciò che è davvero risolutivo è il tornare ad esso. Non demordere e sorridi, poiché il Gioco della Vita è comunque vincente.

Tratto da una canalizzazione alla Fonte
effettuata il 30.12.2021

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche sui nuovi contenuti

Share This