dona il tuo 5x1000 sito
Immagine_Quadrata_Titolo_PNG

Fare “testamento solidale” significa ricordare nel proprio testamento, in qualità di erede (eredità) o di legatario (lascito), una o più associazioni, organizzazioni, enti.

È un gesto semplice e non vincolante, che può essere ripensato e modificato in qualsiasi momento, senza che vengano in alcun modo lesi i diritti legittimi dei propri cari e familiari.

Non sono necessari grandi patrimoni, perché per sostenere il lavoro quotidiano di associazioni come la nostra, anche un piccolo contributo può fare la differenza.

DOMANDE FREQUENTI

 Cos’è il testamento?
Il testamento è un atto scritto con il quale ciascuno di noi può individuare, per il momento in cui avrà cessato di vivere, soggetti cui attribuire il proprio patrimonio o una parte di esso e altri cui attribuire beni specifici.

Chi può fare testamento?
Tutti possono disporre dei propri beni per testamento, a esclusione di coloro che al momento della redazione del testamento sono incapaci di intendere e di volere, dei minori e degli interdetti per infermità mentale.

 Cosa si può donare?
Il testatore può decidere di devolvere una parte del 
proprio patrimonio sotto forma di denaro, azioni, titoli d’investimento; beni immobili (casa, appartamento, terreni); beni mobili (macchina, arredi, gioielli, opere d’arte).

Le eredità e le donazioni a favore di un ente non profit sono soggette a imposte?
No. Le eredità e le donazioni a favore di un ente non profit non sono soggette al pagamento di imposte di successione e donazione.

 Cosa succede in assenza di testamento? 
In assenza di testamento il patrimonio viene diviso tra i parenti, a cominciare dai più stretti fino ad arrivare ai più lontani (6°grado di parentela). Nel caso in cui il defunto non abbia parenti entro il 6° grado di parentela la sua eredità andrà devoluta allo Stato.

 Per redigere testamento è necessario andare da un notaio? 
Non necessariamente. Il testamento olografo può essere redatto da chiunque sia in grado di scrivere e per tale forma di testamento non è necessario recarsi da un notaio. Sarà invece necessario recarsi da un notaio nel caso si voglia redigere un testamento pubblico.

Il testamento orale è valido?
No, il testamento orale non è valido. Il nostro ordinamento giuridico prevede che le volontà testamentarie debbano essere necessariamente espresse per iscritto.

 Chi può essere beneficiario di un testamento?
Possono essere beneficiari di un testamento:

-persone fisiche:
nate o concepite prima dell’apertura della successione;

-persone giuridiche:
come enti no-profit, di pubblica utilità, ecc.
Il beneficiario deve in ogni caso essere esattamente indicato e individuabile affinché la disposizione testamentaria sia valida.

È possibile modificare il testamento?
Sì. Il testamento può essere modificato e revocato totalmente o parzialmente fino al momento della  morte del testatore. Questi è sufficiente che rediga un nuovo testamento in data successiva, perché il secondo prevalga o si sostituisca al primo. Se il primo testamento è stato redatto utilizzando la forma dell’atto pubblico, non è necessario utilizzare la stessa forma per revocarlo o modificarlo.

Quali sono le forme di testamento?
1. Testamento olografo:
manoscritto conservato nel proprio appartamento, consegnato a una persona di fiducia o, meglio ancora, a un notaio.

2. Testamento pubblico:
redatto da un notaio, difronte a due testimoni.

3. Testamento segreto:
consegnato sigillato a un notaio, sempre difronte a due testimoni.
Tale documento verrà aperto solamente dopo il decesso, quando le volontà verranno rese note.

Indipendentemente dal tipo di testamento, il donatore ha diritto di vincolare il lascito a un determinato utilizzo.
Ad esempio, se si tratta di un bene immobile, che sia destinato all’uso per una comunità specifica. Oppure che la cifra in denaro venga destinata per un determinato progetto.

Scegli di sostenerci…
o
ltre ogni limite!

GRAZIE!

Share This