Dio separò? Forse!

Foto di Wyatt Ho da Pixabay

[…] Secondo la Bibbia “Dio separò la luce dalle tenebre …”.

E di quale “luce” parla la Bibbia?

 Forse l’elettromagnetica che osserviamo ed è emessa dai nuclei atomici.

Se così è, “dio” è il campo nucleare forte che confina i nuclei atomici e li rende luci – ferici, cioè portatori di luce. Una ricerca seria dovrebbe capire perchè la scienza ha studiato molto questa luce e ha trascurato le “tenebre” nucleari che coinvolgono il 99% della massa di ogni corpo osservato, incluso quello umano. 

“Dio” separa e confina, paralizza i moti nucleari, impedisce la loo coerenza e … così favorisce le malattie, divide le donne dagli uomini che assumono ruoli distinti ed entrambi infelici. “Dio” dimentica la Madre e il valore del femminile, il mare che co – muove tutto e tutte le onde, cioè le particelle e le antiparticelle concepite come minuscole palline. 

Sperduta come Dante “in una selva oscura” la Materia bianca è confusa e non pensa certo alla fisica; ama le favole, l’arte e la musica, sente la magia della Natura e quelle intuizioni che svelano il contatto con i mondi invisibili. Lì Dante incontra Virgilio, la guida nell’inferno e nel purgatorio, i mondi che riflettono i drammi di questo nostro mondo senza … via di uscita. Eppure la Via c’è … 

Nella selva oscura Biancaneve è guidata verso la casetta dei sette nani, dove è accolta con affetto e trova pure lavoro, cucina e mette in ordine. Poi la scova la matrigna che le offre la mela avvelenata. Biancaneve la morde e cade in un sonno mortale. I sette nani la vegliano … 

E se la nostra Matera bianca
fosse caduta in un sonno mortale?

 Dovremmo risveglairci dalle illusioni che scambiamo per realtà o per protezione dai pericoli “esterni”. […] 

Tratto dal libro di Giuliana Conforto
Il Risveglio e il gioco cosmico dell’uomo

Le nostre Rubriche...Forse...

1 commento

  1. massimo

    Vecchia “storia”.. vecchia, giust’appunto come il mondo…

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche sui nuovi contenuti

Share This