È impossibile sbagliare

Qualsiasi decisione prendiamo è comunque la decisione giusta.
È impossibile sbagliare, e in questo capitolo scopriremo perché.

Sicuramente vi sarà capitato di dover andare in qualche posto, e di non conoscere la strada. Oggi, con l’utilizzo di un navigatore GPS, è semplicissimo trovare il percorso migliore che ci conduce a destinazione, basta impostare l’indirizzo di arrivo e seguire alla lettera tutte le indicazioni che ci vengono fornite.

Bene, vi sarà anche capitato di deviare dalla strada indicata, o perché costretti a causa di qualche deviazione obbligatoria, o semplicemente perché avete “mancato” la svolta indicata e vi siete quindi ritrovati su di una strada che non era sul percorso prestabilito.

Qualsiasi buon navigatore, a questo punto, raramente vi chiederà di tornare sui vostri passi, ma provvederà quasi sicuramente a ricalcolare un percorso alternativo che vi condurrà comunque alla destinazione prevista.

Ebbene, quello che sto per dirvi è che, così come succede per il navigatore, anche nella vita di tutti i giorni esiste sempre la possibilità di arrivare al risultato desiderato, indipendentemente dalle decisioni che prendiamo.

In altre parole, è letteralmente impossibile sbagliare decisione. Avete capito bene: è impossibile da un punto di vista fisico, quindi è una delle Leggi Eterne e inviolabili dell’Universo.

Dipende solo dal pensiero

Cosa mi fa affermare una cosa del genere? Oramai dovrebbe essere chiaro a tutti che il pensiero è la causa di qualsiasi evento accade nella nostra vita, bello o brutto che sia. Nulla infatti può esistere senza che sia stato prima immaginato al livello del pensiero. Chi ha letto il mio libro “La Realtà Ultima” sa dell’esistenza dei due livelli su cui si basa qualsiasi creazione: il livello spirituale e quello materiale, e di come questi interagiscono nel processo di materializzazione della realtà.

Qual è la chiave di questo meccanismo? Per comprenderlo dovete modificare il vostro punto di vista, e smettere di credere che il risultato finale dipenda dalla direzione presa. Ricordate questo concetto fondamentale.

Il risultato finale dipende solo ed esclusivamente dalla nostra capacità di concentrarci sul risultato desiderato.

Nel caso del navigatore l’unica cosa importante è avere impostato la destinazione giusta. Non serve nient’altro, perché quella singola informazione è più che sufficiente per fare in modo che possiate raggiungere la metà desiderata. Possiamo affermare che il navigatore riesce sempre nel suo intento perché è “focalizzato” sul risultato finale. È stato progettato per funzionare in quel modo, pertanto nulla al mondo potrà distoglierlo da quello scopo.

La parola magica allora è la “focalizzazione” del nostro intento sul risultato desiderato. Dato che è il pensiero a determinare qualsiasi cosa si manifesta nella nostra vita, l’unica cosa importante per la riuscita di qualsiasi iniziativa è focalizzarsi con tutto il proprio essere sul risultato voluto.

L’errore che comunemente facciamo è quello di pensare invece a tutti gli ostacoli che potremmo incontrare, finendo così col distogliere la nostra attenzione dalla soluzione, per concentrarla esclusivamente sul problema.

Qualcuno a questo punto potrebbe obiettare che analizzare i possibili problemi è importante per evitare di fare errori, e che rimanere seduti pensando solo alla soluzione finale non ci porterebbe da nessuna parte.

Apparentemente questo ragionamento potrebbe sembrare giusto, ma è importante arrivare a concepire il modo in cui le cose accadono veramente. Innanzi tutto, teniamo bene in mente che pensando ai possibili problemi non facciamo altro che ottenere la materializzazione di quei problemi.

L’altro aspetto importante da considerare è che l’Universo esaudisce immediatamente il nostro desiderio, anzi più esattamente quel desiderio è già esaudito da qualche parte nello spazio – tempo. L’Universo quindi si mette subito in moto per condurci a quel risultato, esattamente come farebbe un navigatore GPS. Ed esattamente come fa un navigatore GPS, ci da costantemente indicazioni per portarci al risultato voluto. Come? Certamente non con una soave vocina che ci indica tutte le decisioni da prendere, sarebbe troppo bello (ma forse anche troppo noioso).

L’Universo ci Indica la strada attraverso quelle che noi chiamiamo “coincidenze”. Lo può fare in qualsiasi momento e in modo del tutto inaspettati, come per esempio una frase che ci viene detta da un conoscente, o una telefonata improvvisa e inaspettata, o una intuizione che ci balza improvvisamente nella mente.

Ecco allora che l’azione è si necessaria, ma diventa davvero efficace solo se guidata dai segnali che riceviamo e che riusciamo a riconoscere. Insomma, abbiamo tutti gli strumenti per riuscire in qualsiasi impresa, e la cosa più interessante è che possiamo farlo indipendentemente dalla strada che scegliamo di intraprendere.

L’unica cosa davvero importante è rimanere focalizzati sulla soluzione finale, e prestare molta attenzione a tutti i segnali che l’Universo ci manda per metterci sulla giusta strada. Non preoccupatevi, perché anche se “manchiamo” qualche indicazione, l’Universo ricalcolerà immediatamente il percorso, e ci condurrà comunque dove desideriamo andare, a patto che si rimanga focalizzati sull’obiettivo finale. In altre parole, per chi sà come si fa è impossibile sbagliare.

Tratto dal libro Tu Sei Origine
di Paolo Marrone

1 commento

  1. Massimo Bonifacio

    Condivido: e poi.. che fretta c’è?.
    non viene calcolata e riportata la velocità!
    nè media né di punta.
    Nessun record sul giro da battere…

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

L'EVIDENZA

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche sui nuovi contenuti

Share This