I ciechi e l’elefante

Al di là di Ghowr [N.d.R.: nell’attuale Afghanistan] si estendeva una città i cui abitanti erano tutti ciechi.

Un giorno, un re arrivò da quelle parti, accompagnato dalla sua corte e da un intero esercito, e si accamparono nel deserto. Ora, questo monarca possedeva un possente elefante, che utilizzava sia in battaglia sia per accrescere la soggezione della gente.
Il popolo era ansioso di sapere come fosse l’elefante, e alcuni dei membri di quella comunità di ciechi si precipitarono all’impazzata alla sua scoperta.

Non conoscendo ne la forma ne i contorni dell’elefante, cominciarono a tastarlo alla cieca e a raccogliere informazioni toccando alcune sue parti.
Ognuno di loro credette di sapere qualcosa dell’elefante per averne toccato una parte.

Quando tornarono dai loro concittadini, furono presto circondati da avidi gruppi, tutti ansiosi, e a torto, di conoscere la verità per bocca di coloro che erano essi stessi in errore.
Posero domande sulla forma e l’apparenza dell’elefante, e ascoltarono tutto ciò che veniva detto loro al riguardo.

Alla domanda sulla natura dell’elefante, colui che ne aveva toccato l’orecchio rispose: “Si tratta di una cosa grande, ruvida, larga e lunga, come un tappeto”.
Colui che aveva toccato la proboscide disse: “So io di che si tratta: somiglia a un tubo dritto e vuoto, orribile e distruttivo”.
Colui che ne aveva toccato una zampa disse: “È possente e stabile come un pilastro”.

Ognuno di loro aveva toccato una delle tante parti dell’elefante. La percezione di ognuno era errata. Nessuno lo conosceva nella sua totalità: la conoscenza non appartiene ai ciechi. Tutti immaginavano qualcosa, e l’immagine che ne avevano era sbagliata.

La creatura non sa nulla della divinità. Le vie dell’intelletto ordinario non sono la Via della scienza divina.

Rumi [N.d.R.: teologo musulmano sunnita, e poeta mistico persiano, conosciuto come uno dei massimi autori della letteratura mistica persiana] usa questa storia come esempio dei limiti della percezione individuale: l’occhio umano è proprio come il palmo della mano che non ha i mezzi per coprire tutto l’animale.

Rumi non presenta una soluzione al conflitto nella sua versione, ma afferma:
“L’occhio del mare è una cosa e la schiuma un’altra. Lascia andare la schiuma e guarda con l’occhio del mare. Giorno e notte, schiume di schiuma vengono lanciate dal mare: oh incredibile! Vedi la schiuma ma non il mare.
Siamo come barche che sfrecciano insieme; i nostri occhi sono oscurati, eppure siamo in acque limpide.”

Tratto sufi.it

1 commento

  1. Maria Luisa

    Si Tutto viene filtrato dalla nostra percezione limitata e distorta

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

L'EVIDENZA

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche sui nuovi contenuti

Share This