Il leone dipinto

I sogni, come gli accadimenti quotidiani,
sono comunicazioni
che la nostra parte più Sottile e più Vera
ci fa giungere per fornirci indicazioni di percorso
lungo il Cammino che, incarnandoci,
abbiamo scelto di compiere.

Per com – prendere il loro significato
è necessario utilizzare il linguaggio dell’Assoluto,
che è quello dell’Evidenza.

I sogni premonitori non esistono
se non per coloro, che credendo in essi,
ne creano gli effetti.

Un anziano genitore, pieno di paure, vide in sogno il suo unico figlio, coraggioso e amante della caccia, morire dilaniato da un leone.

Preso dal terrore che il sogno potesse dimostrarsi veritiero, allestì un magnifico appartamento nella parte alta della casa e vi tenne rinchiuso il figlio.

Per distrarre il giovane dalla noia della prigionia fece decorare l’alloggio con figure di animali d’ogni tipo, tra i quali anche un leone.

Il giovane, guardando l’immagine del leone, sentiva crescere ogni giorno di più il suo dolore per essere stato privato della libertà e una volta, ponendoglisi di fronte, urlò con tutta la sua rabbia: “Brutta bestia, è tutta colpa tua! Per colpa tua e per colpa del sogno bugiardo di mio padre, sono qui chiuso e custodito come una femminuccia. Che cosa dovrei farti??”.

E così dicendo, tirò un pugno contro il leone dipinto sul muro. Ma il violento urto fece penetrare nella mano del ragazzo una scheggia, che inizialmente determinò forte dolore, poi un’infiammazione e infine un ascesso, a cui sopraggiunse una febbre altissima che ben presto causò la morte del giovane.

Così il leone, per quanto fosse solo dipinto, lo uccise senza che a nulla servisse l’espediente paterno.

Esopo

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

L'EVIDENZA

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche sui nuovi contenuti

Share This