In Realtà
non vi è nessuna realtà,
solo pensieri

La lezione dell’anatra

Foto di Pexels da Pixabay

[…] L’organismo fisico, il vostro corpo, ha una sua propria intelligenza, come qualsiasi organismo di ogni altra forma di vita. E questa intelligenza reagisce a quello che dice la vostra mente, reagisce ai vostri pensieri. Così l’emozione è la reazione del corpo alla mente […] la risposta del corpo a un pensiero.

Indirettamente un’emozione può essere anche una risposta a una situazione attuale o a un evento, ma sarà una risposta a un evento vista attraverso il filtro dell’interpretazione mentale, il filtro del pensiero, cioè attraverso il concetto mentale di buono o cattivo, mi piace o non mi piace, me e mio.

Sebbene il corpo sia molto intelligente, non può dire la differenza tra una situazione attuale e un pensiero. Reagisce a qualsiasi pensiero come fosse una realtà. Non sa che è solo un pensiero. Per il corpo, una preoccupazione, un ricordo pauroso significano che è in pericolo ed esso risponde di conseguenza, anche se è notte e siete in un letto caldo e confortevole. Il cuore batte più forte, i muscoli si contraggono, il respiro accelera. Vi è un crescendo di energia, ma poiché il pericolo è solo una finzione mentale, l’energia non ha sfogo. Parte di essa è rimandata alla mente e genera pensieri ancora più ansiosi. Il resto dell’energia diventa tossico e interferisce con il funzionamento armonioso del corpo.[…]

Due anatre dopo uno scontro (che non dura mai a lungo) si separano e se ne vanno in direzioni opposte. Poi ognuna delle due sbatte vigorosamente le ali un paio di volte e così rilascia il sovrappiù di energia che si era creato durante lo scontro. Dopo che hanno sbattuto le ali riprendono a nuotare pacificamente come se niente fosse successo.

Se l’anatra avesse una mente umana, manterrebbe vivo lo scontro pensando e costruendoci sopra una storia. […] Ecco come diventerebbe problematica la vita dell’anatra se avesse una mente umana. Ma questo è il modo nel quale la maggior parte degli umani vivono tutto il tempo. Non vi sono situazioni o eventi che siano mai veramente compiuti. La mente e la storia fatta dalla mente, il “me e la mia storia”, continuano.

Siamo una specie che ha perso la strada. Tutto quello che è naturale, ogni fiore o albero e ogni animale, ha importanti lezioni da darci se solo ci fermiamo, guardiamo e ascoltiamo. Per voi la lezione dell’anatra è questa: sbattere le ali. Questo tradotto vuol dire “lasciate andare la storia” e ritornate nel solo luogo di potere: il momento presente.

Tratto da Un mondo nuovo
di Eckhart Tolle

L'EVIDENZA

1 commento

  1. Maria Luisa

    Essendo una persona che ha fatto lavorare molto la mente in modo illusorio e vano,condivido pienamente il pensiero espresso che è il QUI E ORA della saggezza millenaria buddhista di cui condivido i principi

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche sui nuovi contenuti

Share This