LA MATRIX DIVINA

Un Ponte tra Tempo, Spazio, Miracoli e Credenze

Tutti indistintamente abbiamo la sensazione di essere soli. Ogni persona e ogni famiglia hanno in sé la sensazione inespressa che in qualche modo siamo separati da chiunque o da qualunque cosa sia responsabile della nostra esistenza. Percepiamo vagamente, nelle nebbie della nostra memoria ancestrale, che fummo portati qui e poi abbandonati, senza nessuna spiegazione o ragione.

Perché dunque ci dovremmo sentire diversamente? Anche davanti a una scienza che è in grado di far scendere l’uomo sulla luna e di decifrare il nostro codice genetico, non sappiamo ancora esattamente chi siamo. Sicuramente non sappiamo per certo neanche come siamo arrivati fin qui. Percepiamo interiormente la nostra Natura Spirituale, mentre cerchiamo conferma ai nostri sentimenti.

Per mezzo della letteratura, del cinema, della musica e dei riferimenti culturali facciamo una distinzione fra il nostro posto qui sulla terra e il lontano Regno Celeste, situato altrove. In occidente, affermiamo la nostra separazione dal Creatore attraverso il modo in cui abbiamo tradotto la gran preghiera biblica che descrive questo rapporto: il Padre Nostro.

Ad esempio, la sua traduzione occidentale più comune inizia così: “Padre Nostro, che sei nei Cieli”, sottolineando la separazione. Secondo tale interpretazione, noi siamo “qui” e Dio si trova in altro luogo, molto lontano da noi. Il testo originale in aramaico, invece, presenta una prospettiva diversa del nostro rapporto con il Padre Celeste. La stessa frase viene infatti tradotta così: “O Radioso, Tu risplendi in ognuno di noi e al di fuori di noi – persino l’oscurità risplende – quando noi rimembriamo”, rafforzando l’idea che il Creatore non è separato e lontano. Al contrario, la forza creativa del Padre Nostro – qualunque sia il significato che gli attribuiamo – non solo è con noi, ma è noi ed è infusa in tutto ciò che consideriamo il nostro mondo.

La scoperta del Codice della vita nel 2004 e del messaggio che scaturisce dalla traduzione del DNA della vita in lettere dell’antico ebraico e dell’alfabeto arabo antico, sembra dar credito a questa traduzione. Quando seguiamo le indicazioni che ci sono state tramandate nel libro mistico del I secolo, il Sèfer Yetzirà, scopriamo che ciascuno degli elementi che compongono il nostro DNA corrisponde a una lettera di quegli alfabeti. Se si fanno le dovute sostituzioni, si scopre che il primo strato di DNA nel corpo umano in effetti sembra confermare l’antica ammonizione secondo cui una grande intelligenza risiede ovunque, inclusi gli esseri umani. Il DNA umano letteralmente recita: “Dio Eterno nel corpo”. […]

Ogni cosa nell’Universo, dalla nostra abbondanza materiale al successo nelle relazioni, dalla pace nel mondo alla guarigione del nostro corpo, è parte di un campo intelligente di energia che unisce le cose.

Le più recenti scoperte ci mostrano che essa funziona in modo simile a un computer Cosmico Cosciente, che usa le nostre emozioni e credenze per creare la Realtà.

Le tecniche che descrivono questo processo sono parte del Grande Segreto, che si è perduto ormai 1700 anni fa e che Greg Braden riporta alla luce in questo libro. La Matrix Divina è capace di scuotere fortemente il pensiero comune, riuscendo a fondere la scoperta scientifica di queste tecniche con la saggezza spirituale che ci insegna ad usare nella vita di tutti i giorni.

L’EVIDENZA

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche sui nuovi contenuti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share This