L’ubriaco, il poliziotto e le chiavi scomparse

Tutto ha origine nel sottile, per manifestarsi nella materia. Lo sappiamo da tempo, così come da tempo sappiamo che vi è un solo modo per cambiare l’andamento delle cose: modificare il nostro atteggiamento verso la Vita. Eppure continuiamo con i tentativi di sempre, come a dire: so che non funziona, ma è più facile.

Un poliziotto, di notte, si avvicina a un ubriaco, che sotto a un lampione, parla a voce alta guardando verso il basso.

“Buonasera!”, esordisce. “Posso essere d’aiuto?”. L’ubriaco, barcollante, gli rivolge uno sguardo assente, e con voce biascicata risponde: “Sto cercando le chiavi di casa!”
.
Desideroso di essere utile e di consentire allo sconosciuto un rapido ritorno a casa, l’agente si attiva nella ricerca, ma le chiavi non si trovano.

Dopo alcuni giri a vuoto, il poliziotto si avvicina ancora all’ubriaco e gli chiede: “Mi scusi … ma lei è proprio sicuro di averle perse qui?”. E l’ubriaco : “No, agente. Le ho perse laggiù in fondo”. “E allora perchè diamine le cerca qui?” replica stizzito il poliziotto. “Beh, agente, perchè qui c’è più luce!”.

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche sui nuovi contenuti

1 commento

  1. Annalisa Barbarossa

    Si torna sempre a ciò che sappiamo. Cerchiamo qualcosa lontano da noi. Invece è dentro di noi. Lo abbiamo già.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

L’EVIDENZA

Share This