Nessuno vince se non vinciamo tutti

Foto di David Mark da Pixabay

C’era una volta un contadino che coltivava mais di ottima qualità. Ogni anno vinceva il premio per il miglior mais coltivato.

Un anno un giornalista lo intervistò e imparò qualcosa di interessante su come lo coltivava.
Il giornalista scoprì che il contadino condivideva i semi del suo mais con i suoi vicini.

“Come puoi permetterti di condividere i tuoi semi di mais migliori con i tuoi vicini, quando ogni anno entrano in competizione con il tuo mais?”, chiese il giornalista.
“Perché, signore”, disse il contadino, “non lo sa?
Il vento raccoglie il polline dal mais in maturazione e lo fa roteare da un campo all’altro.
Se i miei vicini coltivano mais inferiore, l’impollinazione incrociata degraderà costantemente la qualità del mio mais.
Se voglio coltivare del buon mais, devo aiutare i miei vicini a coltivare del buon mais”.

Così è con le nostre vite …
Chi vuole vivere bene e in modo significativo deve contribuire ad arricchire la vita degli altri, perché il valore di una vita si misura in base alle vite che tocca.
E chi sceglie di essere felice deve aiutare gli altri a trovare la felicità, perché il benessere di ciascuno è legato al benessere di tutti …

Se vuoi, chiamalo potere della collettività …
Oppure principio di successo …
O legge della Vita.
Il fatto è che nessuno di noi vince veramente, finché non vinciamo tutti!

L’EVIDENZA

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche sui nuovi contenuti

Share This