Dis – identificati dai tuoi pensieri

[…] Gran parte della vita di molte persone si consuma in un’eccessiva preoccupazione per le cose. Ogni cosa che l’ego persegue e a cui si attacca, sostituisce quell’Essere che non si riesce a percepire.

Puoi dare valore alle cose e prendertene cura, ma ogni volta che c’è un attaccamento nei loro confronti, allora sai che è l’ego. E tu non Sei mai Realmente attaccato alle cose, ma a un pensiero che ha in se … IO, ME, MIO.
Ogni volta che tu accetti totalmente una perdita, vai al di là dell’ego. E Chi Sei Tu, quell’Io Sono che è Coscienza in se stessa, emerge.

Molta gente comprende solo sul letto di morte, quando tutte le cose esteriori scompaiono, che niente ha mai avuto relazione con Chi Sono Veramente. In prossimità della morte l’intero concetto del possesso alla fine rivela chiaramente tutta la sua mancanza di significato.

Negli ultimi momenti di vita tutti si rendono anche conto che, mentre per l’intera vita avevano cercato un più completo senso di , quello che stavano in Realtà cercando – il loro Essere – era sempre stato lì, in gran parte oscurato dalla loro identificazione con le cose, che alla fine vuol dire “identificazione con la mente”.

Per alcuni il Risveglio avviene nel momento in cui diventano consapevoli del tipo di pensieri che hanno abitualmente, specialmente pensieri negativi e persistenti, con i quali possono essersi identificati tutta la vita. […]

Tratto dal libro Tutt’Uno con la Vita
di Eckhart Tolle

Foto di gabananda da Pixabay

Ognuno di noi si libera delle sue memorie
e delle sue convinzioni automatiche derivanti dal passato attraverso un processo profondo
che le trasmuta e le integra.

Questo accade attraverso un processo alchemico, non mentale.
Accade attraverso l’esperienza, non la teoria.

La trasmutazione […]
avviene attraverso un processo personale
di acquisizione di consapevolezza.

Adele Venneri

La trasmutazione
avviene attraverso
la Facilitazione Olistica

L'EVIDENZA

1 commento

  1. Maria Luisa

    La mente è il nostro grande blocco ,ne ho fatto esperienza e ne faccio tutt’ora ma in modo più consapevole.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche sui nuovi contenuti

Share This