Il mio cuore ha rischiato di fermarsi

Sono certo di essere qui per qualcosa che ora non ricordo e non so. Contavo di fare qualcosa di speciale, di importante. E oggi mi ritrovo più nel fare, nella parte più greve. E la parte “bambino” si è un po’ assopita.
Chiedo un’immagine, una visione, qualcosa che mi possa far ricordare più facilmente, che plachi la mia inquietudine.
Il mio cuore ha rischiato di fermarsi più di una volta in via definitiva. Ma io ritengo di avere tante cose da fare, da esprimere, da donare …

Il tuo sogno di bambino è ancora lì. E poiché lo spazio e il tempo attengono solo alla vostra dimensione, il sogno non è vecchio e non è nuovo: semplicemente E’.
Hai scelto di irrigidirti rispetto alla tua Voce Interiore. Ma la tua Voce Interiore è forte. E ti smuove. E ti richiama. Quella che tu definisci “inquietudine” è la tua Voce Interiore che bussa continuamente al tuo petto. Il tuo cuore si ferma per ascoltare. E il tuo corpo risponde con paura, e fugge.
Ciò che blocca il tuo cuore è la tua convinzione di essere separato. Cerchi le risposte fuori di te. E al tuo interno Chi Realmente Sei parla, bussa inascoltato, poiché il tuo ascolto è proiettato fuori. Tutta la tua vita è stata un invito all’ascolto e al tornare ad Essere come quando eri bambino, che nel tuo entusiasmo trasformavi un gioco in realtà. Questa è la Vita, ma hai smesso di crederci. E la Vita ti sta dolcemente accompagnando a tornare a quell’Essere.
Vedi il mondo greve, ma è greve perché lo stai creando così.
Apriti alla possibilità che ogni cosa che vedi, che vivi, ogni persona che incontri, sei tu che ti stai portando un messaggio per la tua espansione, per il ritorno a Chi Realmente Sei. Allora cadono i drammi, le difficoltà vissute con tragedia o con angoscia, e si apre il mondo delle infinite possibilità nel quale puoi spostarti scegliendo ogni istante di rimanere al Centro del tuo Centro. Non ci sono persone giuste o ingiuste, ma persone che stanno specchiando una parte di te che tu sei pronto ad accogliere, per andare Oltre. E’ così nel lavoro, in famiglia, tra amici, o nelle situazioni che si presentano.
Quanto più nelle avversità ti trovi nella posizione dell’osservatore neutrale, tanto più il tuo cuore comincerà a battere regolarmente. Perché quel battito è in equilibrio con Chi Realmente Sei.

Tratto da una canalizzazione
alla Fonte effettuata il 19.12.2018

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche sui nuovi contenuti

4 Commenti

  1. Laura

    Quello che sento leggendo il brano è che se è vero che da bimbi trasformiamo un gioco in realtà, da grandi trovo che la forza sia trasformare la realtà in gioco.
    Grazie della condivisione
    Laura

    Rispondi
    • Antonio

      Ciao Laura.
      … e trasformando la realtà materiale in gioco, vivere la Realtà Assoluta e ciò che determina in noi: Pace, Equilibrio, Amore, Gioia, Entusiasmo, Passione (non necessariamente in quest’ordine). Il senso e lo scopo di ogni incarnazione.
      Grazie per il tuo contributo
      Antonio

      Rispondi
  2. Stefanella Podda

    Grazie per aver condiviso i tuoi dubbi.. le tue ansie..paure… Questo accorcia le distanze..
    A volte la tua erudizione, i tuoi concetti (quelli a cui sei arrivato con i tuoi studi)sono difficili da comprendere.. impegnativi anche per persone che ti seguono da anni, questo articolo.. lo trovo bellissimo.. vicino col cuore.. Ancora e sempre GRAZIE!

    Rispondi
    • Antonio

      Grazie a te per l’importante contributo che offri, cogliendo un aspetto fondamentale della nostra esperienza di umani in questa dimensione.

      Quando affermi “Grazie per aver condiviso i tuoi dubbi … le tue ansie … paure …” dici il vero. La persona che ha richiesto la canalizzazione, e per la quale è stata svolta, non sono io. Ma gli altri giungono nella nostra vita unicamente per portarci indicazioni di percorso. E l’unica domanda che ha utilità per noi porci di fronte alle loro comunicazioni e azioni è “Cosa mi mostra?”.
      Mi sono posto la domanda … E ti invito a portela anche tu, considerato che attraverso l’articolo la comunicazione è giunta anche a te.

      Trovare la risposta non è difficile, così come non è difficile comprendere ciò che io divulgo. Perché le risposte sono già dentro di noi, di te. E le domande, gli accadimenti, le persone, i corsi, i libri, gli articoli, ecc. giungono nella nostra vita quando siamo pronti a cogliere le comunicazioni che portano.

      Ognuno di noi ha la necessità di tornare all’ascolto del Centro del proprio Centro, dove vi è una Luce che parla senza parlare, sa senza sapere, conosce senza conoscere, poiché è Tutto. Esattamente come ciascuno di noi.

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share This