Se una persona cara sta male, cercane il senso dentro di te

Ho necessità di comprendere la condizione dei miei genitori: perché stanno rinunciando a godersi la vita?
Qual è il significato che mi sta giungendo e come posso comportarmi per sbloccare questa situazione?
Mia madre si cura da tempo una depressione e mio padre si cura, da anni, prima un tumore all’intestino, poi un edema all’occhio destro. Sta male, si alza solo per i pasti o per andare in ospedale, dove spesso rimane parcheggiato per ore in attesa che i medici lo chiamino.
Vedere i miei genitori in questo stato mi fa sentire molto male.

 

Tu sai che una volta incarnato hai scelto di vivere la separazione. Dunque percepisci i tuoi genitori, e chiunque altro intorno a te, come separati da te.
Sai anche che questa è un’illusione e che ciascuno e tutti siete portatori di messaggi in favore dell’Espansione del Tutto.
Guarda dunque tutto ciò che mi hai detto, e che ti dici quotidianamente, da questa prospettiva, e leggi i segni.
Tutto parla di ciò per cui sei venuto ad andare oltre.

Tua madre ti parla del concreto di questa dimensione. La Vita ti invita ad andare oltre ciò che ti schiaccia nel concreto della tua quotidianità.
Dunque, guarda l’evidenza. La de – pressione è la mancanza di pressione, di energia, di entusiasmo. E’ l’invito per te a far fruire l’entusiasmo in tutto ciò che ti appare in questa dimensione.

Tuo padre è l’orientamento.
Nel tuo orientamento lascia andare ciò che ti impedisce di vedere attraverso lo Spirito, poiché questo ti blocca, blocca il tuo orientamento rendendolo apatico, in attesa di soluzioni esterne a te.
Padre e madre, cielo e terra, e tu al centro. Nel cielo dell’orientamento non vuoi vedere. Nella terra, nel tuo concreto, non trovi la forza di avanzare.
Tu sei l’incontro.

Lavora dunque a questo livello, poiché … “Come E’ Sopra, così è sotto”.
Nella sincronicità della Vita, il vissuto e il risentito dei tuoi genitori attiene a loro e attiene a te.
Non si tratta di colpa o di responsabilità, ma di Cammino.
Nel tuo Cammino ora sei pronto per lasciare andare ciò che appesantisce la tua manifestazione di Chi Realmente Sei in questa dimensione.

Ciò che cambia il tuo vissuto, e la percezione di ciò che percepisci altro da te, è il recupero della tua pace interiore, è l’emergere della tua gioia.

Tutto ciò che vivi, e che ti sembra altro rispetto ai tuoi genitori, è strettamente connesso ai tuoi genitori, poiché tutto è Uno.
Dunque la tua preoccupazione nella quotidianità rispetto al lavoro, al sostentamento, è ciò che deprime il tuo concreto, è strettamente connesso a ciò che ti mostra tua madre.
Tutto ciò che vivi in questa dimensione in contrasto con la tua razionalità e il tuo percepito interiore, è ciò che offusca la tua visione esteriore. E ti viene mostrato da tuo padre, perché blocca il tuo Cammino in una sorta di “vado/non vado, agisco/non agisco” che ti tiene fermo.

 

Tratto da una canalizzazione
alla Fonte effettuata il 14.11.2018

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche sui nuovi contenuti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share This